• Il costo della vita in Italia [ARTIGO + ÁUDIO + TRADUÇÃO]

    IL COSTO DELLA VITA IN ITALIA

    L’Italia s’incontra tra i paesi con il maggior costo di vita al mondo.

    Sebbene gli articoli di prima necessità non siano eccessivamente cari, gli affitti e il valore degli immobili in Italia continuano abbastanza elevati.

    Poiché il bel paese è molto industrializzato, non ha bisogno di importare ingenti quantità di prodotti dall’estero, il che si traduce anche in una diminuzione del prezzo finale della merce, poiché al valore del prodotto non si aggiungono alti imposti doganali o elevate spese di trasporto.

    Attualmente, essendo l’Italia un paese dell’Unione Europea esso può anche esportare e importare merce dagli altri paesi membri senza quasi nessuna barriera commerciale.

    In questo contesto, con una economia europea unica, il costo dei prodotti tende ad abbassarsi e ad omogeneizzarsi, ovviamente a scapito di un’elevata competizione commerciale.

    In genere gli alimenti e i prodotti di moda come vestiti, profumi, scarpe, accessori e cosmetici arrivano a costare anche il 30-40% a meno che in Brasile. Stessa situazione per gli oggetti elettronici (computer; cellulari; televisioni ecc.), mobili e arredi.

     

    Infine, praticamente tutti i tipi di veicoli in Italia sono più convenienti che in Brasile. Ad essere superiore è la benzina, a cui, inoltre, non può essere sostituito l’etanolo.

    Differente è la situazione degli immobili. Gli immobili in Italia sono molto cari, specie nelle grandi città. In questi casi un appartamento da 120m2 in centro arriva a costare in media 200-300 mila euro.

    Comunque, tra i benefici di essere cittadini italiani c’è una ridotta tassazione per istruzione e sanità.

    Le Scuole Pubbliche, così come l’Università e molti altri servizi educativi, sono in sostanza gratuiti su tutto il territorio nazionale.

    Anche la Sanità, essendo largamente statale, offre un’importantissima assistenza sociale: sono gratuiti tutti i tipi di assistenza medica fondamentali.

    In questo senso, le tasse per le scuole elementari, medie e superiori sono praticamente gratuite. Invece, le tasse universitarie si aggirano intorno ai 1500-2000 euro l’anno dipendendo dalla condizione economica della famiglia. In molte città italiane persino l’acqua è un bene unico e universale, quindi gratuito.

    Tra le tasse regionali Italiane troviamo: la tassa sull’immondizia e le altre tasse sugli immobili.Il canone Rai, infine, è l’imposta che deve essere pagata da tutti gli anni per sostenere la televisione pubblica, la Rai.

  • L’ immigrazione [ARTIGO + ÁUDIO + TRADUÇÃO]

    L’IMMIGRAZIONE IN ITALIA


    L’Italia, essendo il paese più esposto sul Mediterraneo, è soggetto da alcuni anni a forti fenomeni migratori.

    Ha dovuto, quindi, nelle ultime decadi, accogliere milioni di immigranti transitori e non; ed anche altri paesi sono soggetti allo stesso problema, ad esempio la Grecia, che si affaccia anch’essa sul mediterraneo.

    Questi immigranti provengono soprattutto dai paesi in guerra e da altri paesi del Nord Africa; alcuni Stati come la Francia e la Svizzera hanno già imposto severi limiti alla loro accettazione.

    Si possono definire, secondo la legislazione, due categorie d’immigranti: gli immigranti economici e i rifugiati politici.

    L’immigrante economico è quell’immigrante che tenta di entrare in Europa allo scopo di trovare una situazione economica-occupazionale migliore e talvolta ritornare al proprio paese con maggiori condizioni.

    Il rifugiato, invece, è quell’immigrante che fugge dal proprio paese a causa di conflitti regionali e/o internazionali, motivazioni politiche ed altri fenomeni sociali di carattere negativo.

    Molti Governi Europei hanno ben chiaro, inoltre, la necessità di armonizzare le proprie legislazioni, in vista di una maggior efficacia al contrasto del fenomeno.

    Ogni anno entrano in Europa circa un milione d’immigrati.

  • Il Movimento 5 Stelle [ARTIGO + ÁUDIO + TRADUÇÃO]

    IL MOVIMENTO CINQUE STELLE.
    Oggi parliamo del Movimento Cinque Stelle.

    Il Movimento è un partito politico – ai suoi membri non piace che sia chiamato così- che nasce nel 2008-2009; il suo principale rappresentante è Beppe Grillo, che lo fonda assieme a Gianroberto Casaleggio. Casaleggio si occupava di diffondere il Blog di Beppe Grillo online e Beppe Grillo era l’immagine publica che rappresentava gli ideali del movimento.

    Attualmente, il Movimento Cinque Stelle è il secondo partito politico d’Italia per numero di parlamentari; ha vinto importanti Elezioni Comunali nelle città di Roma e Torino e i sondaggi prevedono che possa farsi primo partito della nazione; ricordando che, in Italia, non c’è città politicamente più importante di Roma, essendo essa Capitale.
    Quali sono gli ideali del Movimento?

    Innanzitutto, il Movimento Cinque Stelle possiede carattere ecologico ed ha un programma moderno di diffusione ed utilizzo delle fonti rinnovabili.

    Altre idee promosse dal Movimento sono il reddito di cittadinanza (sussidio di circa 700€ che dovrebbe aiutare i disoccupati), ed il concetto di “politico come cittadino” opposto al concetto di “politico di professione”: qualunque carica politica – secondo le regole interne al Movimento Cinque Stelle – dovrebbe essere limitata; dopo due mandati, si torna a casa.

    In un paese in cui i politici rimangono tali per decadi, il Movimento si propone di modificarne la composizione politica.

    Tra le altre cose, vuole abolire il finanziamento publico ai partiti – da sempre il Movimento viene finanziato dai cittadini attraverso il Blog di Beppe Grillo- e s’incontra, inoltre, tra i partiti più giovanili d’Europa.

    Com’è nato il Movimento Cinque Stelle?

    Tutto nasce con il famoso V-Day, dove “V” sta per “Vaffanculo”; che fu una manifestazione in piazza in cui il popolo espresse la sua disapprovazione al Governo; da quel momento in poi, il Blog di Beppe Grillo comincia a guadagnare sempre più popolarità.

    Ci furono, in seguito, alcune elezioni municipali in cui il Movimento si presentò con le Liste Civiche Cinque Stelle ed in pochi anni, il Movimento si transforma in fenomeno politico senza precedenti.

    Attualente, i rapresentanti del Movimento Cinque Stelle sono Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista.
    Di Maio rappresenta il Movimento in Parlamento e Di Battista nelle piazze; pur così, Beppe Grillo continua vero leader del Partito.


    TRADUÇÃO

    O MOVIMENTO CINCO ESTRELAS.
    Hoje, falaremos do Movimento político chamado “Cinque Stelle“. O Movimento é um partido político – eles não gostam de ser chamados assim- que nasceu no 2008-2009. O seu principal representante é Beppe Grillo que junto com Gianroberto Casaleggio o criou. Casaleggio se ocupava de difundir o blog de Beppe Grillo online e Beppe grillo era a imagem pública que representava os ideais do movimento.

    Atualmente o Movimento Cinque Stelle é o segundo partido político da Itália.
    Assume-se que talvez se tornaria primeiro partido e que ganhará as próximas eleições, já que recentemente o Movimento ganhou importantíssimas eleições nas cidades de Roma e Turim.
    E portanto sendo Roma a capital… Não tem cidade mais importante que Roma na Itália!

    O Movimento Cinque Stelle tem caracter ecológico: existe um programa completo para a difusão e utilização dos recursos renováveis.
    Quais são os ideais do Movimento?

    Em primeiro lugar, a renda de cidadania, que deveria ajudar as pessoas sem emprego e além disso o conceito de “político como cidadão” e não de “político de profissão”: qualquer cargo político – pelas regras internas do Movimento Cinque Stelle – deveria ser limitado; depois de dois mandatos, se volta pra casa.
    E notório que na Itália, ao invés, os políticos ficam na politica por décadas… 30, 40 anos!
    Já que existem os políticos de profissão…  o maior ideal do movimento é de modificar a composição política Italiana: Seria uma coisa fantástica!

    Além disso o Movimento Cinque Stelle quer ab-rogar o financiamento público aos partidos e na verdade, o maior financiador do movimento são os cidadãos que o financiam por meio do Blog de Beppe Grillo.

    Outra coisa importante: Atualmente o Movimento Cinque Stelle é um dos partidos com mais jovens na Europa.

    Como nasceu o Movimento Cinque Stelle?

    Tudo nasceu com o famoso V-Day; que foi uma manifestação em praça em que todo mundo expressava a própria desaprovação ao Governo; daquele momento em diante no Blog de Beppe Grillo começaram a entrar sempre mais pessoas… Sempre mais pessoas se sentiam atraídas pelo movimento.

    Tiveram as eleições municipais em que o movimento se apresentou com as Listas Cívicas Cinco Estrelas, e
    devagar, devagar… em poucos anos um movimento que nasceu do nada se tornou provavelmente o primeiro partido político do país.

    Os representantes atualmente Movimento Cinque Stelle são Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista.
    Di Maio representa o Movimento no Parlamento e Di Battista o representa nas praças.
    De qualquer forma, Beppe Grillo continua sendo o verdadeiro líder do Partido.

     

  • Il Nuovo Presidente [ARTIGO + ÁUDIO + TRADUÇÃO]

    CHI È IL PREMER GENTILONI.
    Paolo Gentiloni è un politico di vecchia data, milita in partiti ecologici e verdi fin dall’inizio della sua carriera; ricopre, poi, ruoli abbastanza importanti durante il Governo Prodi II e durante il Governo Renzi. Durante il Governo Prodi assume l’incarico di Ministro delle Comunicazioni e durante il Governo Renzi quello di Ministro degli Esteri.

    (ALBERTO PIZZOLI/AFP/Getty Images)

    Gentiloni ha le caratteristiche necessarie ad un ottimo conciliatore di Governo; di saper quindi mediare e comunicare tra i vari attori politici: in uno scenario in cui la Francia è alle porte delle prossime elezioni, in cui c’è stata la Brexit e in cui ci sono state le nuove elezioni politiche negli USA, l’Esecutivo italiano precisava urgentemente di qualcuno che aiutasse nei rapporti diplomatici.

    Da non dimenticare, poi, che Gentiloni è il quarto Primo Ministro italiano a non essere stato eletto in meno di dieci anni; in sequenza, i Governi Monti, Letta e Renzi, non hanno vinto alcuna elezione politica.


    TRADUÇÃO

    QUEM É GENTILONI, PRIMEIRO MINISTRO.
    Paolo Gentiloni é um político de velha data, militou em partidos ecológicos e verdes no começo da sua carreira e teve papéis importantes durante o Governo Prodi II e durante o Governo Renzi. Durante o governo Prodi foi Ministro das Comunicações e durante o Governo Renzi foi Ministro dos Exteriores.
    Gentiloni foi escolhido pela sua característica de ser um ótimo diplomata, de saber comunicar e mediar no meio dos vários autores políticos: Em um cenário em que a França esta prestes as novas eleições, em que se teve a Brexit e em que nos EUA está um novo Presidente, o Governo italiano precisava urgenemente de alguém que ajudasse na diplomacia internacional.

    Gentiloni tem essa característica… e acho que foi por isso que ele foi escolhido.

    Vale ressaltar que Gentiloni foi o quarto Primeiro Ministro italiano a não ser eleito em menos de 10 anos.
    Tivemos os Governos Monti, Letta, Renzi… nenhum deles foi eleito!
    Portanto Gentiloni é o quarto Primeiro Ministro italiano a não ter sido eleito.

     

  • Il Referendum [ARTIGO + ÁUDIO + TRADUÇÃO]

     

    IL REFERENDUM COSTITUZIONALE.

    Il Referendum Costituzionale dicembre 2016 è stato un importante referendum politico, in cui il popolo italiano ha dovuto decidersi a favore o contro una nuova Costituzione.

    Ma, cosa prevedeva questa nuova Costituzione?

    Prevedeva, inanzitutto, un cambiamento nella composizione del Senato: il numero dei senatori sarebbe diminuito; più specificamente, l’Esecutivo avrebbe avuto più potere, pertanto le leggi serebbero state promulgate più rapidamente. Questa Riforma avrebbe rafforzato, quindi, il ruolo del Primo Ministro e dei suoi Ministri.

    In seguito, la consulta prevedeva l’abolição del CNEL, organo publico e…

    Quanto alla composizione del senato: chi sarebbero stati i nuovi senatori?

    Con questa nuova Costituzione, il ruolo di senatore serebbe andato nelle mani dei sindaci, dei consiglieri comunali e regionali, tutte cariche politiche proprie delle Regioni; gli stessi avrebbero avuto, pertanto, diritto all’immunità parlamentare che, come sappiamo, costiuisce ciò che permette ai Parlamentari di non essere investigati dal giudiziario.

    In pratica, con questa riforma, circa un terzo della costituzione sarebbe stata modificata.

    Di fatto, il Presidente del Consiglio Matteo Renzi si espose, dichiarando alcuni mesi fa’ che se il Referendum non fosse stato approvato, si sarebbe dimesso dall’incarico di primo ministro.
    Cosa che accadde, quando, domenica 4, si ebbe la certezza dell’evento.

    Chi era a favore, chi era contro questa nuova Costituzione?

    A favore, chiaramente il Partito Democratico e la maggioranza di Governo, i quali la Riforma l’hanno redatta; contro, il Movimento Cinque Stelle che affermò, invece, la sua inconsistenza e complessità.


    TRADUÇÃO

    O REFERENDO CONSTITUCIONAL.

    O Referendo Constitucional de dezembro 2016 foi um importante referendo político no qual a população italiana teve que decidir a favor ou contra da nova Constituição.

    O que previa essa nova Constituição?

    Previa antes de tudo uma mudança na composição do Senado: O número dos senadores seria diminuído;
    e não só isso, sobretudo, o Executivo iria ter mais poderes, portanto as leis seriam promulgadas mais rapidamente. Essa nova constituição teria reforçado portanto o papel do Primeiro Ministro e dos seus Ministros. O referendo previa a abolição do CNEL, que é um órgão publico e enfim…

    Em quanto a composição do senado: Quem iriam ser os novos senadores?

    Com essa nova Constituição os novos senadores seriam nada mais que os vereadores e os prefeitos já eleitos… todos cargos políticos próprios das Regiões (estados italianos).
    Esses novos políticos teriam direito a imunidade parlamentar (foro privilegiado); que como nos sabemos é o que permite aos Senadores e Deputados não serem investigados pelo judiciário.

    Na prática, com essa nova constituição, cerca de um terço das leis teriam sido mudadas: Cerca de um terço das leis da constituição teriam sido modificadas.

    De fato o Presidente do Conselho Matteo Renzi declarou alguns meses atrás que se o Referendo não fosse aprovado ele teria se demitido do cargo de primeiro ministro.
    Isso aconteceu, quando aquele famoso domingo se teve a certeza que o referendo não foi aceito; Portanto Renzi declarou muito rapidamente a sua demissão.

    Quem que era a favor, quem que era contra esta nova constituição?

    A favor, estava o Partido Democrata e a maioria do Governo, os quais tiveram o papel de escrevê-la; contra estava o Movimento Cinque Stelle o qual afirmava – na minha opinião justamente – que a nova constituição foi mal cogitada, mal pensada, que ao invés de facilitar as coisas as complicava.